mercoledì 2 dicembre 2015

Mercoledì al cubo (13): Sam e Dave scavano una buca

Due amici, due pale, un cane, un gatto e una buca: pochi ingredienti per un libro di sicuro successo

Sam e Dave scavano una buca





di Marc Barnett, illustrato da Jon Klassen, Terre di Mezzo Editore



La prima immagine che ci accoglie, aprendo il libro, è un minuscolo melo: un esile tronco, pochi rami, tre frutti. Chissà se al termine del libro lo ritroveremo cresciuto...



Cappellino in testa, pala in spalla e occhi vigili (ma, stranamente, niente bocca) due compagni di avventure escono di casa, accompagnati dal fido cagnolino.
Sulla soglia di casa c'è un gatto col collarino rosso.
Sul tetto, il galletto segnavento è rivolto ad est.
C'è un fiore rosso in un vaso.
Il melo è ancora lì, nel margine inferiore destro di pagina.


 


É lunedì (tutto comincia di lunedì) e Sam e Dave scavano una buca, proprio accanto al melo -non si sono allontanati molto, in realtà, l'avventura è proprio nel giardino di casa.
La loro missione è trovare qualcosa di spettacolare.

Continuano a scavare anche dopo essere finiti, insieme al cane, sottoterra da capo a piedi.



Continuano a scavare, incuranti del fatto che, proprio di fianco a loro, nella terra, sia nascosto un grande...

Fanno una pausa.
Dave beve latte al cioccolato da una borraccia.
Sam mangia biscotti a forma di animale che ha avvolto nel fazzoletto del nonno.

Decidono di scavare in un'altra direzione -oh no, proprio ora che, appena sotto di loro c'era un grosso...

 

Decidono addirittura di dividersi: le probabilità di trovare qualcosa di spettacolare aumenteranno sicuramente.

Intanto il cane ha scavato ancora, proprio appena sopra il grosso..., ma Sam e Dave non fanno altro che girare intorno prima ad un gigantesco... poi ad un ancor più enorme...


Non smettono di scavare neppure quando finiscono il latte al cioccolato e i biscotti a forma di animale.

 Poi, però, sporchi e stanchi,




si addormentano. Solo il cane rimane sveglio, e la sua ricerca di un osso farà cadere tutti e tre giù, giù, giù...
finché non atterrano sul morbido.

La caduta è stata abbastanza spettacolare.

Ed entrano in casa
per un latte al cioccolato
con biscotti a forma di animale.


Tutto qua?
Piuttosto banale, no?

Ma, a proposito: e il melo?
Non è cresciuto, no.
Però è diventato un pero.
E sulla soglia di casa c'è sempre il gatto, però con il collarino lilla.
E a segnare il vento c'è un'anatra rivolta ad ovest.
E nel vaso c'è un fiore azzurro.

Non banale, certo che no: la parola esatta è GENIALE. 

Qui la versione di Scaffale Basso
Qui la versione delle Briciole di Pollicino

Qui potete sfogliare le prime pagine del libro, e scoprire quale grande, grosso, enorme tesoro sia nascosto sottoterra.