sabato 10 ottobre 2015

Il calzino smarrito (ed altri versi)





Il calzino smarrito

Ho trovato il calzino
infilato sotto il letto.
Dove sei stato
questa settimana?” gli ho detto

Mi sono nascosto”
il calzino ha risposto.
Ancora un giorno vicino al tuo piede
e sarei morto!”




Poesia per bambini per tutte le occasioni

Nella prima strofa c'è una principessa,
poi due streghe, una buona e una cattiva.
Inoltre lì vicino c'è un castello
con un bosco magico, ma non bello

La seconda ha vampiri e fantasmi
e dei mostri col fiato schifoso.
Fa tremare le coste dei libri
e venire un cagotto pauroso

La terza è tra le mie preferite
con conigli in calzoni e magliette.
Parlano fra loro come noi
e vivono in belle casette

La quarta strofa è proprio sull'oggi
e lì ci puoi metter di tutto.
Ambientata in città, rime non ne ha
(anche se ogni tanto le fa)

La quinta è ambientata nel futuro
è l'ultima e lo dico sconsolato,
là il Verbo si fa Computer
e i libri cose vecchie del passato.




Sciocco desiderio

Ammirando le lucciole
che sfrecciavano lì intorno
un giovane topo pensò:
Potessi anch'io
luccicare come loro”

Il desiderio si avverò

Da allora ogni notte
si nasconde quatto quatto
nella casa del giardino
mentre i gufi attratti dalla luce
sono pronti a fargli la festa

ma che cosa avevo in testa”
disse il topo-lucciola
con il senno di poi.

Roger McGough, Storia di un ruttino e altri versi, (traduzione di Franco Nasi) Gallucci