lunedì 5 ottobre 2015

Libri PIPPI: Una lettera per Leo

Quando escono nuovi albi assolutamente imperdibili, mi capita di pensare con un pizzico di rimpianto a quel che avrei potuto fare con i miei bambini se li avessi avuti tra le mani appena qualche mese prima. 
 
E mi spiace ancor più perché, per quanto desideri scriverne, lo posso fare usando solo le mie poche parole, e non quelle dei bambini, o i loro disegni, che so essere il valore aggiunto a quel che scrivo.



Una lettera per Leo

di Sergio Ruzzier, edito da Topipittori.


L'anno scorso, in seconda, abbiamo parlato della corrispondenza, utilizzando alcuni albi splendidi, raccontati qui e qui.

E così, ancora una volta, mentre leggevo il libro, la maestra ha preso il sopravvento, e già m'immaginavo, fra tre anni, di fronte ai miei nuovi primini:


Il titolo è adattissimo a presentare la consonante L, mentre il racconto si apre con


Leo è il postino di un piccolo paese.

frase perfetta per presentare la consonante P (e già vedo i piccoli ricopiarla dalla lavagna, ripassando in rosso tutte le P)

LEO È IL POSTINO DI UN PICCOLO PAESE.






Consegna posta di tutti i tipi: pacchi, pacchetti, pacconi, buste, cataloghi, biglietti d'auguri, lettere d'amore.

Qui troviamo varie difficoltà ortografiche: doppie, uso dell'h e dell'apostrofo, i suoni gn e gli. Non sono già più in prima, sono volata direttamente in seconda e ripasso con i miei bambini tutte le regole necessarie per scrivere correttamente.



Ogni tanto si ferma a giocare a bocce coi suoi amici...o si siede un momento per riposarsi e chiacchierare. “Il suo zabaglione è buonissimo, signora Durelli!”

Ed ecco il discorso diretto, con l'uso delle virgolette e della punteggiatura adeguata: perfetto, allora posso leggerlo anche ai miei alunni di terza!



Naturalmente sto scherzando: non c'è bisogno di nessuna giustificazione didattica per leggere un bel libro ai bambini: basta pescarlo dalla borsa, attendere il silenzio e cominciare...

http://www.topipittori.it/it/catalogo/una-lettera-leo