mercoledì 21 gennaio 2015

Giovannin senza paura e le paure dei bambini

 GIOVANNIN SENZA PAURA
 
C'era una volta un ragazzetto chiamato Giovannin senza paura, perché non aveva paura di niente. Girava per il mondo e capitò a una locanda a chiedere alloggio.
- Qui posto non ce n'è, - disse il padrone, - ma se non hai paura ti mando in un palazzo.
- Perché dovrei aver paura?
- Perché ci si sente, e nessuno ne è potuto uscire altro che morto. La mattina ci va la Compagnia con la bara a prendere chi ha avuto il coraggio di passarci la notte.
Figuratevi Giovannino! Si portò un lume, una bottiglia e una salciccia, e andò.
A mezzanotte mangiava seduto a tavola, quando dalla cappa del camino sentì una voce: - Butto?
E Giovannino rispose: - E butta! 




Dal camino cascò giù una gamba d'uomo. 

 

Giovannino bevve un bicchier di vino.
Poi la voce disse ancora: - Butto?
E Giovannino: - E butta! - e venne giù un'altra gamba. Giovannino addentò la salciccia.
- Butto?
- E butta! - e viene giù un braccio. Giovannino si mise a fischiettare.
- Butto?
- E butta! - un altro braccio. 





- Butto?
- Butta! 



E cascò un busto che si riappiccicò alle gambe e alle  braccia, e restò un uomo in piedi senza testa.
- Butto?
- Butta!
Cascò la testa e saltò in cima al busto. Era un omone gigantesco, e Giovannino alzò il bicchiere e disse: - Alla salute!
L'omone disse: - Piglia il lume e vieni.
Giovannino prese il lume ma non si mosse.
- Passa avanti! - disse l'uomo.
- Passa tu, - disse Giovannino.
- Tu! - disse l'uomo.
- Tu! - disse Giovannino.
Allora l'uomo passò lui e una stanza dopo l'altra traversò il palazzo, con Giovannino dietro che faceva lume. In un sottoscala c'era una porticina.
- Apri! - disse l'uomo a Giovannino.
E Giovannino: - Apri tu!
E l'uomo aperse con una spallata. C'era una scaletta a chiocciola.
- Scendi, - disse l'uomo.
- Scendi prima tu, - disse Giovannino. 






Scesero in un sotterraneo, e l'uomo indicò una lastra in terra. - Alzala!
- Alzala tu! - disse Giovannino, e l'uomo la sollevò come fosse stata una pietruzza.
Sotto c'erano tre marmitte d'oro. - Portale su! – disse l'uomo.
- Portale su tu! - disse Giovannino. E l'uomo se le portò su una per volta.
Quando furono di nuovo nella sala del camino, l'uomo disse: - Giovannino, l'incanto è rotto! - Gli si staccò una gamba e scalciò via, su per il camino. - Di queste marmitte una è per te, - e gli si staccò un braccio e s'arrampicò per il camino. - Un'altra è per la Compagnia  che ti verrà a prendere credendoti morto, - e gli si staccò anche l'altro braccio e inseguì il primo. - La terza è per il primo povero che passa, - gli si staccò l'altra gamba e rimase seduto per terra. - II palazzo tientelo pure tu, - e gli si staccò il busto e rimase solo la testa posata in terra. - Perché dei padroni di questo palazzo, è perduta per sempre ormai la stirpe, - e la testa si sollevò e salì per la cappa del camino.
Appena schiarì il ciclo, si sentì un canto: Miserere mei, miserere mei, ed era la Compagnia con la bara che veniva a prendere Giovannino morto. E lo vedono alla finestra che fumava la pipa.
Giovannin senza paura con quelle monete d'oro fu ricco e abitò felice nel palazzo.

Finché un giorno non gli successe che, voltandosi, vide la sua ombra e se ne spaventò tanto che morì.

 

CALVINO I., Fiabe italiane, Mondadori



Sicuramente, una delle fiabe che ha riscosso maggior successo: in entrambe le classi, in modo assolutamente spontaneo, l'intero gruppo, dopo il secondo “E butta” ripetuto dal protagonista, ha cominciato ad accompagnarmi nella lettura, scandendo con me le risposte di Giovannino. Davvero una bella soddisfazione, soprattutto per il coinvolgimento di tutti, anche dei bambini solitamente più restii, con un tono di voce davvero molto alto (che, naturalmente, non ho chiesto di abbassare).


Dopo la lettura della fiaba, insieme abbiamo scritto questa riflessione:

Giovannin senza paura era un ragazzetto davvero molto coraggioso, eppure un giorno, voltandosi, vide la sua ombra e se ne spaventò tanto che morì.
Ognuno di noi ha qualche paura. Io ho paura di (di seguito le risposte dei bambini):
  • gli scorpioni
  • i film dell'orrore
  • i ragni e i mostri
  • morire
  • i ragni, le cimici, la cantina
  • perdere i miei amici, che uccidano il mio cane
  • andare in fondo al mare
  • morire, i ladri e gli zingari
  • un cane ferocissimo, l'uomo dalla testa d'insalata, l'uomo che ha gli occhi a punta, le cimici e gli scorpioni
  • case abbandonate, assassini e zingari
  • case abbandonate, stare da sola, assassini, zingari e ladri
  • una persona con un coltello infilato nel cervello, esce tutto il sangue e il cervello
  • il buio, il lupo, gli zingari e i ladri
  • i ladri, gli zingari e gli squali
  • un minotauro
  • i ladri, i fantasmi, gli alieni, i film paurosi, morire, gli zingari e le case abbandonate
  • il buio fitto fitto, i film paurosi, le api e le vespe
  • che mia mamma si trasformi in un'aliena
  • la luce spenta, quando la mamma è andata a fare la spesa e io rimango a casa da sola, gli zingari, i ladri, morire
  • i mostri, i ladri
  • i posti molto alti, le anguille elettriche
  • il buio, i lupi
  • gli zingari, il buio, i ladri
  • che il mio cane muoia

     
    • un fantasma
    • i vampiri
    • i ragni
    • i cani
    • l'immaginazione
    • il buio, la faccia-maschera attaccata al muro, stare da solo, i colpi di sorpresa, i cani
    • la Befana
    • il buio, la mamma arrabbiata, stare da solo
    • il buio, la morte
    • il buio, i serpenti
    • Dracula, le streghe, i clown
    • il titano-boa, lo squalo bianco, la balena blu
    • il water, il buio, i cani
    • lo squalo, l'orca assassina, la balena, la stanza della mamma e del papà
    • gli squali
    • i mostri
    • il buio, i mostri, stare da solo, che la mamma sparisca, l'acqua alta
    • Fabio Caressa quando grida “gooooal”
    • i ragni
    • il buio e i ladri
    • la mamma quando mi sgrida e i mostri
    • la zanzara
    • il buio
    • le bambole
    • che succeda qualcosa alla mia famiglia, il veleno
    • i ragni, i serpenti e il buio
    • un coyote, la Befana, la luce spenta, il lupo