venerdì 6 marzo 2015

Io sono Marcello Fringuello


Difficile sapere chi sei, se vivi circondato da una moltitudine di tuoi simili, che fanno un tale fracasso da impedirti di sentirti pensare.













Ma...qualche volta arrivava la Bestia.








Solo i più fortunati riuscivano a fuggire, e volavano più veloci che potevano in cima al primo albero lì vicino, dove restavano appollaiati a gridare finché la Bestia non se ne fosse andata.

Finché una notte qualcosa di diverso accadde.


Un fringuello si sveglia nel buio e nel silenzio. Ha avuto un pensiero ed è riuscito a sentirlo. Ed è proprio da qui che parte la riscossa...








Un bellissimo libro, che ha dalla sua, oltre ad un testo ricco di spunti per pensare, la possibilità per tutti i bambini, anche quelli convinti di non essere capaci di disegnare, di realizzare splendide immagini, semplicemente con la punta delle dita.

 
Come incomincia:

I fringuelli vivevano in un grande stormo. Facevano un tale fracasso tutto il giorno che davvero non potevi sentirti pensare.

Ogni giorno dicevano: BUON GIORNO

Ogni pomeriggio dicevano: BUON POMERIGGIO

Alla sera dicevano: BUONA SERA

La notte dicevano: BUONA NOTTE

Al mattino ricominciavano.

Era sempre così. Ma...

qualche volta arrivava la Bestia.”

DEACON A. - SCHWARZ V., Io sono Marcello Fringuello, LO edizioni



Grazie a Francesca Tamberlani di Milkbook che un mese fa me l'ha fatto scoprire http://www.milkbook.it/marcello-fringuello/