martedì 22 marzo 2016

Poesia...





"La poesia mi tira dentro ogni storia del mondo" (L., 9 anni)




Poesia è…

Che a scuola te la leggono molto delicatamente
Quando prendi ispirazione, quando le parole battono forte forte nel cuore e quando rigiri le parole da cima a fondo
Il vento che si espande, un rumore leggero che ti accompagna, un frutto che si assaggia, qualcosa che ti viene da dentro e ti ascolta
Sognare nel cielo azzurro, pensare nel silenzio
Un’emozione che ti penetra dentro
Gioco scritto in versi volanti, tanti quanti le cose che inventi
Amore, gioia, sentimento, liberazione, fantasia, allegria, concentrazione, follia, attenzione, silenzio, svelazione
Fantasia che viene da dentro la mente dei bambini, dei grandi e dei poeti
Quando vai a capo e puoi o non puoi mettere le maiuscole
Quando sei attento, poesia è un disegno speciale
Quando esprimi quello che hai dentro al cuore, quando la mente ti dice: “Scrivi i tuoi sentimenti”




Per fare poesia…

Occorre la cura, la bella ortografia, la fantasia, perché se non hai fantasia non è una poesia
Serve calma, silenzio, essere sicuro di te stesso, la fantasia, la pazienza, lo scrivere bene, ci vuole una maestra che ci corregge gli errori, ci vuole tempo
Serve l’ispirazione che ti viene dal cuore perché ti aiuta a esprimere i sentimenti
Bisogna saper inventare con l’immaginazione
Bisogna aver silenzio, concentrazione, determinazione, perché se non sei concentrato la poesia non viene
Devi fidarti del tuo istinto
Servono la penna, la gomma, la bocca, il cuore
Occorre pensare fino in fondo al vulcano
Serve l’immaginazione e l’idea per creare una poesia, poi devi aggiungere la scrittura
Serve il silenzio, la calma, la pace, essere sicuri di sé, la pazienza perché per scriverla ci vuole tempo
Ci vuole pazienza, calma e attenzione in modo che i versi vengano liberi in base alla propria immaginazione gustandone il sapore, o ascoltare bene le parole; non hai bisogno di copiare
Servono le lettere e le parole, e virgole, apostrofi e doppie
Devi essere ispirato da una cosa che ti rende felice e pensieroso delle poesie
Servono concentrazione, ispirazione, calma e soprattutto un luogo tranquillo


 

Quando leggo o ascolto una poesia…

Mi devo addormentare o chiudere gli occhi, suonare la chitarra o la pianola. Devo andare a caso
MI devo ispirare con nuove, belle e divertenti parole
Mi sento una poetessa anche se non è mia
Mi sento lì dentro immaginaria
MI sento felice e ispirato, vorrei diventare un poeta per volare in quel mondo che si ascolta. In poesia sono libero di fare, immaginare.
Mi sento molto felice, però mi preoccupa se la maestra ce la fa scrivere sul quaderno
Mi sento rilassato e comodo, mi sento libero
Il cuore mi pompa
Devo sempre tenere a parte le idee
MI sembra che le ho scritte io, perché alcune poesie sono un po’ serie
MI commuovo sempre, mi lascia a bocca aperta, ti spiega dove devi andare
Mi sento nella poesia, la poesia mi tira dentro ogni storia del mondo
Mi sento così rilassato che quasi mi addormento perché è un po’ una ninnananna
Penso che sia fatta con un pizzico di errori ortografici, ad esempio: lettera maiuscola anche se non c’è il punto. Qualche volta mi chiedo cos’è una poesia
Mi viene da dettarla agli alunni e anche studiarla e scriverla sul quaderno
MI sento tranquilla, trasportata dalle parole e poi mi fermo sopra il mio letto
Sono un po’ perplessa
Apro la testa




Quando scrivo una poesia…

Mi sento forte, alto, gioioso, noioso […] insensato, un uomo, un signore
Mi sento calma perché di solito sono agitata e lì allora sono calma e molto attenta
Devo stare attento a non fare errori, non parlo con i compagni ma solo con la maestra
Mi ispiro alle cose che ho intorno, al cielo, alle case, a tutto quello che vedo
Sento la magia dentro di me bibidi bobidi bu
Prendo spunto da ciò che dice, mi serve per volare, per giocare e per sognare, per guardare e immaginare quel che mi piace
Il cuore mi batte forte come i salti del canguro
Devo essere in silenzio ispirandomi a qualcosa, essere comodo e libero
Mi emoziono. Penso che da grande diventerò uno scrittore
Ho il cuore che batte a mille, gioco con le parole
Ho tutta la determinazione nel cervello e mi dà idee molto belle e tutto è poesia
Sento una forza con il cuore che mi batte forte
È sempre quando la maestra detta e mai per la mia volontà perché…devo ammettere che è un po’ noiosino scriverla
Invento tante cose diverse tra loro, ma non mi faccio aiutare da nessuno, la scrivo da sola
Mi stanco e non mi va più la penna blu
Penso al sapore di primavera, alcune volte mi annoio
Mi sento un po’ strana, secondo me anche i poeti si sentono un po’ strani
Mi sento felice, chiudo gli occhi e apro la mente
Ascolto le parole che cantano