venerdì 7 marzo 2014

Biagio e il carnevale

Cosa c’entra Biagio con il carnevale? 

Semplice, Biagio è il pulcino mascherato protagonista di “Biagio e il castello di compleanno” di Claude Ponti, Babalibri. 





Per festeggiare il carnevale a scuola abbiamo organizzato una lettura animata, in cui Biagio si è materializzato in becco e piume, per la gioia dei più piccoli.

I bambini hanno interpretato i pulcini scrittori, portatori di frutta, assonnati o saltellanti sui letti, mescodellatori o slurpatori. Tutto sotto l'abile conduzione di Biagio, che ha impastato uova, farina e zucchero fino a realizzare una magnifica torta (per il castello incredelizioso mancano ancora alcuni dettagli).


 



Mancano dieci giorni al compleanno di Violetta Candita e i suoi amici pulcini, sotto la supervisione di Biagio, il pulcino mascherato, decidono di festeggiarla costruendo un castello incredelizioso.
I pulcini vanno a prendere tutti gli ingredienti necessari per preparare il miglior castello di compleanno. Gli invitati che partecipano alla festa sono numerosissimi e vi ritroviamo moltissimi personaggi dei libri o dei fumetti per bambini: da Max e i suoi mostri selvaggi a Peter Pan, da Tom & Jerry a Babar, da Dragon Ball a Betty Boop…La festa è riuscitissima  e dura tanto da perdere il conto dei giorni…

Come incomincia:

"E' l'ora della sveglia drindrin. Biagio, il pulcino mascherato, sveglia tutti gli altri pulcini. Hanno solo dieci giorni per preparare la festa di compleanno di Violetta Candita. Non un giorno nè un minuto di più.
Oggi, per l'appunto, è il primo giorno. Dopo di che resteranno solo nove giorni. Tutte le mattine i pulcini si alzano nello stesso modo, saltando il più in alto possibile sui letti.
Violetta Candita è la migliore amica dei pulcini e ogni pulcino è il suo miglior amico. Per la sua festa costruiranno il più incredelizioso dei castelli. Sarà una grande sorpresa.
 
PONTI C., Biagio e il castello di compleanno, Babalibri









 
Sarà il formato (grande, impegnativo), sarà l’assoluta genialità dell’autore (Claude Ponti), sarà che era uno dei preferiti della mia piccola, ormai tredicenne. Sarà che ci abbiamo passato interi pomeriggi a cercare il pulcino con la testa nel fungo (c’è sempre, in ogni doppia pagina, provare per credere), Biagio, Pirolite e Loripeti. 

Sarà che riconoscere almeno alcuni degli invitati alla festa di compleanno di Violetta Candita è un'attività estremamente impegnativa


sarà la pienezza avvolgente delle illustrazioni…ma di un libro così, non si può proprio fare a meno!