mercoledì 5 marzo 2014

D come Dodo



Da un uovo caduto dal cielo appare uno stranissimo animale… A pensarci bene, non molto più strano di tutti gli altri che incontrerà sulla sua strada: una tartaruga capovolta, uno struzzo con la testa sepolta nella sabbia, serpenti appesi a testa in giù sugli alberi…

Da ognuno di loro riceve però un buon consiglio; saprà farne tesoro?

Come incomincia:

“Nel bosco stava scendendo la notte. Una barca navigava sul fiume. Il camaleonte se ne stava a chiacchierare con i coccodrilli, quando all’improvviso…

Quando all’improvviso, come se fosse la cosa più normale del mondo, piovve un uovo. Incredibile! Un uovo enorme cadde dal cielo!

Patatrac!

L’uovo si ruppe in mille pezzi e apparve Dodo, un animaletto molto strano con un’espressione smarrita.”

MORAN J. – RODERO P. – URBERUAGA E., Dodo,Bohem

 




 
 






 

"Dodo piove sulla terra dentro un uovo. Patatrac! L’uovo si rompe e questo bizzarro animaletto si ritrova in una foresta popolata da altri animali. Dodo chiede loro chi è lui. Loro rispondono che non lo sanno, ma che è uno strano animale. Anche Dodo nota negli altri qualcosa di strano: la tartaruga viaggia con la casa sulle spalle, il camaleonte cambia colore, i serpenti si appendono ai rami a testa in giù… Dodo nota che anche l’uomo è uno strano animale... “ma questa è un’altra storia”!