domenica 3 gennaio 2016

Colori, un viaggio lungo mesi, ovvero Praticare atti di bellezza (non) privi di senso

Questa mattina mi sono imbattuta in questa frase
 

 


e ho pensato di praticarne uno (non) privo di senso, ripubblicando quello che credo sia il post più bello del mio blog.
 

Da un documento ricco di fascino e di storia, conosciuto grazie alla condivisione di Marianna Santoni e Paolo Canton
 



l'ispirazione per un lavoro in classe lungo qualche mese, culminato nella realizzazione di queste piccole tavole cromatiche









Tutto inizia con la realizzazione di diverse tonalità dei colori primari e del nero realizzate dai bambini con i colori acrilici














poi ritagliate, e disposte su grandi cartelloni



 

 

Ci piace, però, l'idea di dare nuova vita a queste carte, così le ritagliamo a strisce, per lavorarci da soli














e a pezzetti, per lavorare a piccoli gruppi








(Come non pensare ai due magnifici libri di Chiara Armellini, 
  editi da Topipittori?)




E poi altre carte colorate, ottenute mescolando i colori primari a formare i secondari, in svariate tonalità…