mercoledì 27 novembre 2013

Il libro della pace


8 mesi fa, a marzo, durante l’annuale Mostra Mercato del Libro per ragazzi che allestiamo a scuola, la mia collega e amica Lisa ha preso in mano


e ha esclamato: “Questo lo usiamo a Natale!”

A chi ci prendeva in giro (ma come si fa a pensare al Natale a marzo?) abbiamo risposto che quando un libro ti colpisce, non esistono più né spazio, né tempo, né occasioni predestinate.
Questo libro ci ha colpito: perché sembra davvero fatto apposta per farsi guardare e ascoltare, per poi riflettere e inventare nuove espressioni.


Così è stato: e preparando lo spettacolo di Natale sul tema della pace, ho usato questo libro per progettare con i bambini cosa fare con loro e come.
Sul palco i primini giocheranno a bandiera: ad ogni numero chiamato, la coppia correrà a prendere il cartellone, realizzato in precedenza e contenuto in una grande valigia, che verrà mostrato al pubblico ed infine appeso ad allestire la scenografia.
Ieri i bambini hanno formato le coppie, e hanno scelto quale frase, detta in precedenza durante la conversazione in classe o ascoltata durante la lettura del libro, illustrare; ogni coppia ha disegnato su un foglio A4, che verrà poi ingrandito in un doppio A3, in modo da poter incollare il disegno, o alcune sue parti, su un cartoncino colorato 50x70.
Alcune frasi con i relativi disegni:

LA PACE E'



STARE INSIEME ANCHE A CHI NON CONOSCO
 
 
 

FARE FESTA ANCHE SE NON È IL COMPLEANNO DI NESSUNO
 

 
 
FARE MERENDA CON UN AMICO

 
 
REGALARE QUALCOSA AGLI ALTRI
 

 
ESSERE LIBERI

 
FARE GINNASTICA

 
 
CURARE GLI ANIMALI

 
 
TENERSI PER MANO

 
 

METTERSI D’ACCORDO

 
 
SORRIDERE ALLA MAMMA

 
 
Come incomincia:
“Pace è conoscere nuovi amici.
Pace è tenere il mare pulito.
Pace è ascoltare tutti i tipi di musica.
Pace è saper dire mi dispiace quando fai male a qualcuno.
Pace è aiutare chi ti sta vicino.
Pace è leggere tanti libri diversi.
Pace è pensare a qualcuno a cui vuoi bene.”
 
PARR T., Il libro della pace, Il battello a vapore