mercoledì 16 novembre 2016

Quando sono nato





Quando sono nato, non avevo ancora visto niente.
Solo il buio.
Un grande buio nella pancia della mamma.


Quando sono nato

non sapevo chi ero
e chi era mio fratello[1].
Quando sono nato
avevo visto la mia prima luce
e i miei genitori.
[…]
Il mio naso aveva respirato
per la prima volta.
Quando sono nato
non sapevo che fuori
c’era un mondo così bello.


[1] C. ha un gemello
  

Quando sono nato, non avevo ancora
Visto il sole o un fiore o un viso.
Non conoscevo nessuno,
e nessuno conosceva me.

Quando sono nato
immaginavo il mondo bello
ma era più bello di quel
che pensavo, soprattutto dopo
aver visto mamma.

Quando sono nato,
non sapevo ancora
cosa fosse il mare,
e che c’erano le foreste,
e che nel mondo
esistono spiagge e montagne.


Quando sono nato

avevo la vita davanti.
Quando sono nato
si sono attivati i cinque sensi.
Quando sono nato
ho scoperto un pezzetto del mondo,
un mondo dentro l’universo.
Quando sono nato
è tutto cambiato.
 
Quando sono nato,
non avevo ancora visto un uccellino,
e non sapevo che ci sono animali con le piume,
animali con le squame
e animali con il pelo, come il mio cane.


Quando sono nato non sapevo che nel mondo

c’erano milioni e milioni di risposte.


Quando sono nata
non sapevo niente
ma adesso sto
scoprendo qualcosa
di meravigliosamente
nuovo!*
 
MINHOS MARTINS I. – MATOSO M., Quando sono nato, Topipittori



*Le parti colorate sono state scritte dai ragazzi dopo la lettura del libro.