lunedì 24 giugno 2013

B come bradipo (ovvero Elogio della lentezza)


In un mondo dove tutto corre sempre più in fretta, una storia di lentezza.
Il perché lo spiega l’autore stesso, Eric Carle, sulla quarta di copertina.

Perché abbiamo sempre tanta fretta?
Sempre a correre. Correre. Correre.
Galoppiamo di qua e di là. Mangiamo al fast food.
Facciamo un paio di giochi al computer e poi - clic!eccoci davanti alla TV.
Tutti ci dicono di sbrigarci.
Svelti! Il tempo vola! Datevi una mossa!
C’è così poco tempo per starsene con gli amici, ammirare un tramonto, guardare un cielo stellato.
Ah, se potessimo imparare – anche solo un pochino – dall’amabile bradipo che adagio, adagio, adagio striscia lungo un ramo d’albero, mangia un poco, dorme un sacco e vive in pace.

Le magnifiche illustrazioni dell’autore ci mostrano, oltre al protagonista, tutti gli animali che vivono nello stesso habitat: il porcospino, l’anaconda, il puma, il caimano, il formichiere…
Ognuno di loro, passando accanto al bradipo, sembra chiedersi, come fanno la scimmia urlatrice, il caimano o il giaguaro, perché sia così lento, noioso, pigro.
Il bradipo pensa, riflette, medita per tanto, tanto, tanto tempo, finché spiega che, semplicemente, gli piace fare le cose adagio, adagio, adagio.

Come incomincia:

“Adagio, adagio, adagio, il bradipo striscia lungo un ramo d’albero.
Adagio, adagio, adagio, il bradipo mastica le grandi foglie verdi.
Adagio, adagio, adagio, il bradipo si addormenta.
Adagio, adagio, adagio, il bradipo si sveglia.
Per tutta la giornata il bradipo sta sull’albero, appeso a testa in giù.
Per tutta la notte il bradipo rimane sull’albero, appeso a testa in giù.
Perfino quando piove il bradipo sta sull’albero, appeso a testa in giù.”

CARLE E., “Adagio, adagio, adagio” dice il bradipo, Mondadori


Riflettiamo con i bambini su velocità e lentezza.
Quali sono gli animali lenti? E quelli veloci? Ne esistono di lentissimi? E di velocissimi?
E noi, siamo lenti o veloci? Chi di noi si sente lento? Chi veloce?
È più bello essere lenti o veloci? In quali occasioni?
Proponiamo ai bambini di scrivere alcune di queste riflessioni sul quaderno, ad esempio…

LA TARTARUGA E’ LENTA

LA LEPRE E’ VELOCE

IO SONO LENTO/A oppure         IO SONO VELOCE

MI PIACE ESSERE LENTO/A QUANDO…

MI PIACE ESSERE VELOCE QUANDO…

NON MI PIACE ESSERE LENTO/A QUANDO…

NON MI PIACE CORRERE VELOCE QUANDO…