giovedì 4 luglio 2013

S come Smile




Aurora, bambina allegra e intraprendente, ha perso una delle cose a cui tiene di più: il suo sorriso. Dove si sarà cacciato?
Bisogna cercarlo OVUNQUE: sotto il divano, nella cuccia del cane, nelle
tasche… Proprio quando sembra non ci sia più niente da fare, dopo aver trovato un sacco di cose disperse per la casa, ecco che accade qualcosa di speciale e Aurora si rende finalmente conto che il sorriso e la felicità sono proprio...sotto il suo naso!


Come incomincia:

“La mia mamma dice che non si mangiano i biscotti prima dell’ora del tè (neanche le briciole e i pezzetti rotti. UFFA).
Allora, per prima cosa, io non sono per niente musona. Ma neanche spiritosa o chiacchierona. Cioè: in verità IO sono sempre di buon umore, tranne oggi. Perché ho appena scoperto una cosa TERRIBILE!
Ho PERSO una cosa MOLTO MOLTO IMPORTANTE. Ho PERSO il mio SORRISO!
Devo scoprire a tutti i costi dove si è nascosto. Se ci riesco, tutto tornerà bellissimo come sempre.”

HODGKINSON L., Smile!, Lapis



Interrompiamo la lettura proprio a questo punto e chiediamo ai bambini: cos'è successo di terribile ad Aurora? Perché avrà perso il suo sorriso? Dove potrà ritrovarlo?

Una volta conclusa la lettura, proponiamo ai bambini di scrivere sul quaderno

IO SORRIDO QUANDO...

IO PERDO IL SORRISO QUANDO....

chiedendo loro di arricchire le frasi con le illustrazioni.

In seguito conduciamo la conversazione chiedendo ai bambini quali siano i metodi, i modi, per ritrovare il sorriso perso. Aurora lo fa giocando e divertendosi: questa soluzione funziona per tutti? Ci saranno altri modi?

Scriviamo quindi su un cartellone:

TRUCCHI PER RITROVARE IL SORRISO

ed elenchiamo tutti i suggerimenti proposti.

Se lo riteniamo opportuno, realizziamo una copia ridotta del cartellone per ogni bambino.