venerdì 3 maggio 2013

Altri amici con la O: Osvaldo, l'orso, Olivia...

Per leggere ancora



Osvaldo, un orribile, spaventoso mostro, terrorizza gli abitanti del regno. Il re promette la mano della figlia a chi lo catturerà. Valentino non sembra il candidato più adatto, ma quando comincia a raccontare…

Ora Osvaldo non vuole più spaventare nessuno, ma desidera solo qualcuno che ogni sera gli racconti una storia.

 
Come incomincia:

 
“Questa è la storia di un regno, di un re e della sua figlia adorata.

E’ anche la storia di Osvaldo, il mostro spaventoso. Un mostro astuto e feroce, abile e forte, proprio il tipo di mostro difficile da acciuffare.

-Il primo che lo catturerà, la principessa sposerà-, annunciò il re.

Quando Valentino si fece avanti, tutti quanti scoppiarono a ridere.

-Ah, ah, ah! Avete visto che mezza cartuccia?”

 
DE GREEF S., Il mostro che amava le storie, Babalibri


 
Un’allegra famigliola a caccia di un orso, attraverso campi, fiumi, melma, boschi, tempeste.
Finalmente giunti ad un riparo sicuro, un umido naso lucente, due grandi orecchie pelose, due occhi enormi sporgenti: è un orso. E così, via dalla grotta, dalla tempesta, dal bosco, dalla melma, dal fiume, dal campo, per finire tutti nel letto, sotto il piumone.
 
Come incomincia:
 
“A caccia dell’orso andiamo.
Di un orso grande e grosso.
Ma che bella giornata!
Paura non abbiamo.
 
Oh oh! Un campo!
Un campo di erba frusciante!
Non si può passare sopra.
Non si può passare sotto.
Oh no!
Ci dobbiam passare in mezzo!
 
Svish svush!
Svish svush!
Svish svush!”
 
ROSEN M. – OXENBURY H., A caccia dell’Orso, Mondadori

Olivia si veste, va in spiaggia, costruisce castelli, si ustiona, va al museo, dipinge, ascolta storie, sogna…

Un libro in bianco, nero, grigio e …rosso!


Come incomincia:

 
“Questa è Olivia.

Sa fare bene un sacco di cose. La sua specialità è sfinire tutti. Lei compresa.”


FALCONER I., Olivia, Giannino Stoppani Edizioni